Il “fastidio” che nuoce